Sant’Antimo, bambino aggredito da un gruppo di bulli: non voleva passare il pallone

Sant’Antimo, bambino aggredito da un gruppo di bulli: non voleva passare il pallone

Aggressione bambino a Sant’Antimo da un gruppo di bulli (anche loro minorenni). Il 12enne è stato pestato solamente perché aveva rifiutato di cedere il suo pallone ai delinquenti.

LEGGI ANCHE: FRATTAMAGGIORE – FURTO IN VIA LIMITONE

Aggressione bambino a Sant’Antimo: preso a pugni e calci per un pallone dai suoi coetani

Abbiamo già parlato del problema sempre più preoccupante causato dalle cosiddette baby gang. Purtroppo, la scia di violenza e brutalità seminata da questi adolescenti pare non avere limite. L’ultima vittima è stato un bambino di appena dodici anni, che ieri pomeriggio è stato picchiato a sangue da un gruppo di ragazzi, tutti minorenni.

Ci troviamo nella villa comunale di Sant’Antimo. Il bimbo stava trascorrendo un piacevole pomeriggio giocando con un suo amichetto, quando ecco consumarsi il dramma.

Un 17enne si è avvicinato al giovane e gli ha intimato di consegnargli il pallone perchè voleva giocarci col suo gruppo. Il bambino si è rifiutato ed è subito stato accerchiato dai bulli, hanno provato a strappargli via il pallone, ma lui ha fatto resistenza.

E’ stato allora che il delinquente ha perso la pazienza ed ha colpito violentemente il 12enne con un pugno all’occhio. Non soddisfatto, ha continuato ad infierire sul volto del bimbo con pugni e calci. L’aggressore si è poi spostato in un’altra zona della villa comunale con i suoi coetanei, era come se non fosse successo nulla.

Il bambino è stato prontamente soccorso da sua zia, che lo ha portato all’ospedale civile di Aversa. Fortunatamente gli accertamenti radiografici non hanno individuato lesioni gravi ed il piccolo è stato dimesso dopo aver ricevuto le medicazioni necessarie.

LEGGI ANCHE: GRUMO NEVANO. L’OPPOSIZIONE PASSA ALL’ATTACCO

Queste atrocità scuotono il comune di Sant’Antimo, che non si era ancora ripresa dall’aggressione avvenuta il 20 Settembre scorso ai danni di Gaetano Barbuto Ferraiuolo, il 21enne che ha perso entrambe le gambe dopo essere stato aggredito e sparato mentre era in macchina.

I genitori della vittima si sono già recati dalle forze dell’ordine per sporgere una dettagliata denuncia e le autorità si sono già messe alla ricerca dei presunti colpevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *