Scuola, protesta per adeguare il decreto al patto

Scuola, protesta per adeguare il decreto al patto

La scuola protesta per adeguare il decreto al patto

Manifestazione per cambiare il decreto ed ottenere misure urgenti

Il 9 Giugno il mondo scuola scende in piazza per rivendicare i propri diritti.
Un anno scolastico appena concluso ma pieno di incognite e soprattutto costellato da tante partenze e ripartenze scende in piazza con tutto il mondo sindacale per rivenddicare i propri diritti in particolare a favore dei precari.
Il 20 maggio 2021 sembrava che dei buoni propositi per il prossimo anno scolastico si erano prefissati con la sottoscrizione da parte dei sindacati scuola con il Governo del “Patto per la scuola al centro del paese”.
Tuttavia nel contempo lo stesso Governo emanava un decreto legge avente oggetto le stesse materie del patto sottoscritto ma senza confronto con le stesse rappresentanze sindacali.
Questo atteggiamento ha spinto le organizzazioni sindacali tutte unite in unico documento fatto eccezione della GILDA, a proclamare uno stato di agitazione che vedrà il suo culmine in tutte le piazze italiane il giorno 9 giugno 2021 dalle ore 15.00 alle ore 18.00, in particolare a piazza Montecitorio per protestare contro il decreto emanato ma soprattutto per rivendicare dei diritti per gli operatori della scuola.
I sindacati scendano in piazza per richiedere misure urgenti per la stabilizzazione di tutti precari sia abilitati e specializzati, sia con 3 anni di servizio, la stabilizzazione dei DSGA facenti funzione con 3 anni di servizio, per il superamento dei blocchi del personale, la conferma dell’organico Covid, sia per il personale docente che ATA, per la riduzione del numero degli alunni per classe, ed infine per consentire la partecipazione a un nuovo concorso anche in caso di mancato superamento del precedente.
Anche a Napoli le organizzazioni sindacali con i loro associati scenderanno in Piazza Plebiscito nei medesimi orari di Roma e delle altre piazze italiane.
Per la prima volta, l’ANIEF, il giovane sindacato diventato rappresentativo negli ultimi due anni manifesterà assieme alla Confederazione, questo rappresenta una novità rispetto al recente passato nel mondo sindacale comparto scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *