Giugliano: estorsione ad un alimentari. Diceva di appartenere ad un clan

Giugliano: estorsione ad un alimentari. Diceva di appartenere ad un clan

Estorsione ad un alimentari a giugliano. Un uomo si fingeva appartenente ad un clan per fare “la spesa gratis” in un negozio a Varcaturo. Arrestato.

LEGGI ANCHE: MINACCE DI MORTE AL COMANDANTE BIAGIO CHIARIELLO

Giugliano: estorsione ad un alimentari, minacciava di dare fuoco al negozio. Arrestato un 40enne.

Nella giornata di ieri, i carabinieri della stazione di Varcaturo hanno finalmente assicurato alla giustizia il 40enne Carmine Giglio. L’uomo aveva terrorizzato per anni un negozio di alimentari, fingendosi un membro di un clan mafioso.

Siamo nel 2017 a Varcaturo, nel periodo compreso tra Giugno e Novembre. Giglio ha millantato più volte di essere appartente ad un noto clan mafioso (mai specificato quale) per ottenere cibo gratis da un negozio di alimentari sito in via Ripuaria.

Via Ripuaria, dove il malvivente era solito agire

I proprietari hanno da sempre protestato contro questi soprusi, ma il delinquente li zittiva con pesanti minacce. Aveva detto che avrebbe dato fuoco al negozio se non continuavano a dargli cibo gratis. Una volta ha addirittura provato a rubare lo scooter di uno dei titolari.

Durante uno dei suoi ultimi “blitz“, l’uomo ha messo sotto sopra il locale, allontanandosi come sempre con la merce estorta. I proprietari esasperati hanno finalmente deciso di dire basta ai soprusi del malfattore ed hanno allertato le forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE: FRATTAMAGGIORE – FURTO A CASA MARTINO

Partono le investigazioni e, nella giornata di ieri, si procede all’arresto. Giglio è stato prelevato dalle forze dell’ordine di Varcaturo e Giugliano, rispettivamente guidate dal maresciallo maggiore Procolo Petrungaro e dal capitano Andrea Coratza.

L’uomo viene arrestato con l’accusa di estorsione aggravata da metodo mafioso ed è stato immediatamente condotto in carcere. Sconterà una pena di 6 anni e 8 mesi.

Il corpo dei carabinieri si ritiene soddisfatto. “Nonostante le continue difficoltà e la criminalità sempre più crescente, riusciamo a mantenere una forte presenza sul territorio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *