Pulmino rubato a Casoria. Trasportava gratuitamente disabili ed anziani

Pulmino rubato a Casoria. Trasportava gratuitamente disabili ed anziani

Pulmino rubato a Casoria. Il furgoncino della Cooperativa locale “la Gioiosa“, adibito a mezzo di trasporto gratuito per disabili e anziani, è stato portato via da persone sconosciute. Scoppia l’indignazione nella città.

LEGGI ANCHE: ARRIVA IL METANO A FRATTAMINORE. UN RISULTATO STORICO

Pulmino rubato a Casoria: E’ stato un gesto vergognoso

E’ successo nella sera del 2 Marzo. L’autista del furgoncino si era allontanato dalla vettura per accompagnare una persona disabile sotto casa. I ladri hanno approfittato di quel momento per portare via il mezzo.

Il pulmino era usato come taxi e permetteva lo spostamento di anziani e persone disabili per la città. Di recente era anche usato per accompagnare gli over 80 ad effettuare il vaccino. Un piccolo spiraglio di luce in questo periodo così difficile.

A parlare è il vice presidente della Cooperativa “la Gioiosa”, Silvio Schettino, che ancora non riesce a capacitarsi del perchè di tale gesto. La vettura era stata regalata dalla Pmg Italia di Bologna, grazie anche al grande sostegno offerto dai commercianti di Casoria, Casavatore e Arzano.

Il valore del furgone si aggira intorno a 15mila euro, ma risulterebbe molto difficile da vendere al mercato nero, data la sua provenienza. Il perchè di questo furto resta un mistero.

“Senza di esso non possiamo più svolgere nessuna attività. Speriamo di ritrovarlo presto” spiega il vice presidente Schettino, rivolgendosi anche al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Ad offrire tanta solidarietà è il consigliere comunale di Casoria Salvatore Iavarone. Si è rivolto agli autori del vergognoso atto, chiedendo loro di consegnare il pulmino (anche in forma anonima), qualora fosse rimasto loro anche un briciolo di dignità.

“Se l’autoveicolo non dovesse essere recuperato allora faremo partire una campagna di solidarietà per donare alla cooperativa un nuovo mezzo con il quale svolgere la loro attività sociale. Il territorio ha estremamente bisogno di persone che si danno da fare per aiutare i più deboli” Queste sono state le parole del Consigliere Borrelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *