Precari scuola, prossime assunzioni

Precari scuola, prossime assunzioni

Assunzioni da GPS (Graduatorie provinciali per le supplenze) I fascia: requisiti, posti, anno di formazione e prova disciplinare .

Precari scuola, prossime assunzioni

Con le misure previste dal Decreto Sostegni BIS, vi è la possibilità di assumere in via straordinaria, esclusivamente per l’anno scolastico 2021/2022, dalle graduatorie provinciali per le supplenze di I fascia.
Si attingerà dalle GPS I fascia per i posti che residueranno dopo le ordinarie immissioni in ruolo dalle graduatorie esistenti (GAE, GM 2016, GM 2018, fasce aggiuntive e GM 2020 concorso straordinario e, relativamente alle classi di concorso A020, A026, A027 A028 e A041 anche dalle graduatorie STEM).

Per poter partecipare alla procedura di assunzione, oltre all’inserimento nella GPS I o nei relativi elenchi aggiuntivi, sono necessari i seguenti requisiti:
* Per le assunzioni su posto comune è necessario che abbiano svolto su posto comune, entro l’anno scolastico 2020/2021, almeno tre annualità di servizio, anche non consecutive, negli ultimi dieci anni scolastici oltre quello in corso, nelle istituzioni scolastiche statali valutabili come tali ai sensi dell’articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124 (180 giorni di servizio anche non continuativi o servizio ininterrotto dal 1° febbraio fino agli scrutini finali).
* Per le assunzioni su posto di sostegno non è invece necessario alcun requisito di servizio (detto requisito, è stato infatti eliminato in sede di conversione del D.L. 73/2021).
I soggetti individuati saranno destinatari di un contratto a tempo determinato proposto esclusivamente nella provincia e nella o nelle classi di concorso o tipologie di posto per le quali il docente risulta iscritto nella prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze o negli elenchi aggiuntivi.

Durante il contratto a tempo determinato i candidati svolgono il percorso annuale di formazione iniziale e prova. Come di consueto, al termine dell’anno di prova il personale docente è sottoposto a valutazione da parte del Dirigente Scolastico, sentito il parere del comitato per la valutazione dei docenti e sulla base dell’istruttoria del docente tutor.
* In aggiunta rispetto al normale percorso annuale è però prevista lo svolgimento di una prova disciplinare, alla quale accedono i candidati il cui percorso annuale di formazione e prova è stato valutato positivamente. La prova disciplinare è superata dai candidati che raggiungono una soglia di idoneità ed è valutata da una commissione esterna all’istituzione scolastica di
* La negativa valutazione del percorso di formazione e prova comporta la reiterazione dell’anno di prova ai sensi dell’articolo 1, comma 119, della legge 13 luglio 2015, n. 107. Quindi, nel caso di valutazione negativa espressa dal Dirigente scolastico, sentito il parere del Comitato di valutazione, l’anno di prova viene reiterato. Questo significa che potrà essere ripetuto ma una sola volta in quanto nel caso di un secondo esito negativo il contratto si scioglierà, come di consueto avviene con riferimento all’anno di formazione e prova.
* Il giudizio negativo relativo alla prova disciplinare comporta la decadenza dalla procedura di assunzione e l’impossibilità di trasformazione a tempo indeterminato del contratto. In questo caso quindi non vi sarà alcuna possibilità di ripetere l’anno di formazione e prova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *