Covid: A Napoli torna l’incubo contagi. Convocata l’unità di crisi

Covid: A Napoli torna l’incubo contagi. Convocata l’unità di crisi

Covid, a Napoli torna l’incubo contagi. I principali pronto soccorso sono in affanno.

A Napoli è riunita d’urgenza l’unità di crisi per valutare i provvedimenti da assumere in relazione all’aumento dei contagi COVID. I principali ospedali, come Cardarelli e l’ospedale del mare sono in affanno .

LEGGI ANCHE: COVID 13MILA NUOVI POSITIVI E 311 VITTIME NELLE ULTIME 24H 

Stiamo reggendo l’urto invernale dell’epidemia ma abbiamo le corsie piene – avverte Maurizio Di Mauro, direttore generale dell’azienda dei Colli che comprende Cotugno, Monaldi e Cto – abbiamo ancora qualche posto libero in terapia intensiva ma tutti i reparti sono all’orlo.

I principali ospedali di Napoli sono in affanno. Il Cardarelli intercetta un numero considerevole di pazienti ed i flussi non sono facilmente controllabili dato che molto raggiungono il pronto soccorso autonomamente.

Stiamo dando una mano al Cardarelli -continua Di Mauro- che col suo pronto soccorso intercetta una quota considerevole dei ricoveri giornalieri ma di notte arrivano molti pazienti con i propri mezzi, malati positivi che si aggravano e decidono di venire qui con polmoniti serie che richiedono cure molto impegnative.

La situazione va complicandosi giorno dopo giorno, l’unità di crisi è a lavoro per valutare i provvedimenti da assumere

Bisogna tornare a restrizioni più drastiche se vogliamo accompagnare la campagna vaccinale con maggiore serenità – conclude Di Mauro – perché in questo momento non saremmo in grado di fronteggiare una nuova ondata di contagi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *