Bozza Nuovo DPCM: ad Aprile nessuna zona gialla e scuole in riapertura

Bozza Nuovo DPCM: ad Aprile nessuna zona gialla e scuole in riapertura

Bozza per il nuovo DPCM di Aprile. Come previsto ci sarà uno Stop per tutte le nuove zone gialle per il mese di Aprile e dopo Pasqua previsto il rientro a scuola.

Bozza nuovo DPCM Aprile 2021: Stop zone gialle, scuole aperte ed obbligo vaccinale

Il nuovo DPCM, che sta venendo rifinito in questi giorni dal Consiglio dei Ministri, entrerà in vigore da questo 7 Aprile. In esso saranno contenute tutte le nuove regole da dover rispettare per il prossimo mese per far fronte all’emergenze epidemiologica.

Tra le novità più chiacchierate quella di non permettere a nessuna regione di rientrare nella fascia gialla prima di Maggio 2021. Questo implica che fino ad allora resteranno vietati gli spostamenti tra comuni limitrofi per le regioni in arancione, mentre saranno del tutto vietati se non per situazioni di emergenza per le regioni in fascia rossa. Resterà ancora attivo il coprifuoco fino alle ore 22:00.

Non si potrà nemmeno viaggiare tra regioni diverse, come già previsto dallo scorso DPCM, se non per motivi di salute, lavorativi, o rientri nel proprio domicilio. Tra le eccezioni compresa anche quella dello spostamento verso una seconda casa, che sarà quindi permesso.

LEGGI ANCHE: Napoli: La Polizia regala uova ai bambini del Santobono e del Pausilipon

Nel decreto vedranno lo sblocco l’accesso ai Concorsi Pubblici e il rientro nelle scuole. Infatti sembra essere ormai data per certa la riapertura di queste ultime già dopo Pasqua, anche per le zone Rosse fino alla prima media.
Per le zone Arancioni il rientro verrà varato fino alla terza media, con le scuole superiori che affronteranno la didattica in modalità mista fino al 50% delle ore di lezione.

Novità assoluta quella dell’obbligo vaccinale per tutti gli operatori della sanità. A loro infatti verrà imposto di dover fare il vaccino anti Covid19 per poter riprendere le loro attività. Previste anche delle sanzioni per chi potrebbe rifiutare il vaccino. Da escludersi, ovviamente, la possibilità di licenziamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *