Contagi Covid in Campania, le scuole non chiudono e i contagi si alzano

Contagi Covid in Campania, le scuole non chiudono e i contagi si alzano


I contagi Covid in Campania aumentano anche a causa della scuola. Ad oggi la situazione in Campania non è delle migliori, ma il governatore Vincenzo De Luca non vuole effettuare una chiusura generalizzata.

Contagi Covid in Campania, pesante aumento nelle ultime ore

L’obiettivo del capo della Regione Campania, è quello di valutare un eventuale chiusura. Chiudere le scuole in base ai contagi locali indicati dai sindaci e prefetti di ogni singolo comune.

Per il momento i contagi sono in aumento e l’ipotesi di una chiusura non è da accantonare; né tantomeno un ritorno totale alla DAD che aveva fatto calare , e non di poco, i contagi facendo auspicare una situazione più rosea.

Aumento contagi in provincia: preoccupano diverse città

I picchi maggiori si sono avuti nella provincia di Napoli, Caserta e Salerno. Numeri alti anche in alcune province di Napoli. Vista la situazione alcune città hanno già deciso di ritornare al totale utilizzo della DAD come Giugliano, Torre Annunziata e Pompei.

Situazione alta e da monitorare anche in comuni come Caivano, Casoria, Crispano e Frattamaggiore. Città in cui si registra un contagio per ogni 80 residenti in media (Frattamaggiore uno ogni 115).

Quindi dati alla mano, calcolando l’indice di Rt , attraverso parametri ben precisi, i sindaci di ogni comune dovranno intervenire. L’obiettivo è capire dove sia possibile arginare la situazione e monitorarla laddove sia in crescita o diminuzione. Dai dati si nota che l’incremento dei contagi e quindi l’innalzamento dell’indice Rt è dovuto proprio alla riapertura , anche se al 50%, delle scuole.

In particolar modo il numero maggiore di positivi sempre riferiti ai comuni e quindi comunicati alle Asl di riferimento – Asl Na2 e Asl Na3 – riguarda, i primi, i piccoli ovvero le scuole elementari. Questi da poco rientrati nelle scuole, insieme alle scuole secondari e di primo e secondo grado, risultano tutti asintomatici.

Quindi l’auspicio è quello che i sindaci adottino nei plessi scolastici la DAD e chiudere tutte le scuole in modo da contenere i contagi e dare un freno a questa nuova curva epidemiologica. Vista però la situazione non verranno però prese altre decisioni restrittive già assegnateci dalla zona gialla in cui la Campania è collocata. Dunque non resta che salvaguardare la nostra salute e quella di chi ci sta intorno, adottando tutte le misure possibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *