Napoli, riapre lo storico Caffè Gambrinus: era chiuso dall’8 novembre

Napoli, riapre lo storico Caffè Gambrinus: era chiuso dall’8 novembre

Riapertura del Caffè Gambrinus in programma il prossimo 8 febbraio: lo storico caffè partenopeo riapre i battenti, dopo tre mesi di inattività.

Riapertura Caffè Gambrinus, tutto pronto per l’8 febbraio

Tutto pronto per lunedì 8 febbraio. Una giornata importante per il caffè Gambrinus di Napoli. Lo storico locale situato in via Chiaia, a pochi passi da Piazza del Plebiscito, tornerà a servire i clienti dopo tre mesi di inattività. Dal 5 novembre scorso, una delle caffetterie più famose di Napoli, ha chiuso i battenti, arrendendosi così alla pandemia per Covid-19.

I tanti divieti e l’emergenza Covid, avevano portato Antonio Sergio, uno degli storici proprietari del locale, a chiudere la caffetteria. Le restrizioni nazionali e regionali, oltre all’assenza di turisti, ha reso difficile per la proprietà tenere aperta l’attività e far quadrare i conti dello storico locale.

Ora, la riduzione dei contagi e la presenza della Regione Campania in zona gialla, hanno portato la proprietà a decidere di alzare di nuovo le saracinesche. Una buona notizia per i quaranta dipendenti che per il momento lavoreranno a rotazione, in attesa che tutto torni a pieno regime, come accadeva prima dello scoppio della Pandemia.

Riapre un patrimonio della città partenopea

È il cuore pulsante della città di Napoli. Dalla Belle Époque ad oggi, lo storico Caffè Gambrinus di Napoli è la meta di intellettuali, artisti ed ora turisti. Nel corso dei suoi 160 anni di attività si sono seduti ai tavoli della caffetteria napoletana tanti personaggi storici. Da Gabriele D’Annunzio a Filippo Tommaso Marinetti, da Benedetto Croce a Matilde Serao, Eduardo Scarpetta, Totò, i De Filippo, Ernest Hemingway, Oscar Wilde e Jean Paul Sartre

Ora però il “core business” del Gambrinus è cambiato. Dinanzi agli storici banconi o tavolini della caffetteria si alternano ai cittadini napoletani, anche i tanti turisti che arrivano in visita nella città di Napoli. Il Covid-19 ha complicato le cose. Per la prima volta, infatti, precisamente dal 1860, ossia da quando Vincenzo Apuzzo aprì l’attività, il Gambrinus ha smesso di preparare caffè.

Il virus ha bloccato, ma non chiuso del tutto il più importante Caffè di Napoli, che in questi giorni è stato anche set cinematografico della fiction Rai “Il Commissario Riccardi”, trasposizione dell’omonima serie di romanzi di Maurizio de Giovanni, interpretata da Lino Guanciale.

Riapertura Caffè Gambrinus
foto di scena “Il Commissario Ricciardi” regia Alessandro D’Alatri produzione Rai Fiction / Clemart

Proprio qui, Luigi Alfredo Ricciardi, commissario di Polizia della Regia Questura di Napoli, tra un caso e l’altro si ferma per mangiare una pizza o una sfogliatella, oppure bere un caffè sedendo al suo tavolino preferito: quello che affaccia su Piazza del Plebiscito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *